Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 23 giugno 2017

Bianchi: "Difficile chiudere il bilancio"


PALERMO - "Governo e Assemblea regionale devono capire che questo è un anno in cui abbiamo grandi difficoltà a chiudere il bilancio". L'ha detto l'assessore all'Economia Luca Bianchi, parlando con i cronisti a margine del Forum dell'Economia a Palermo, della legge di bilancio e della finanziaria.

"Abbiamo delle poste ancora scoperte, abbiamo da scontare un buco di un miliardo di euro dell'anno scorso, più 900 milioni di euro di mancati trasferimenti per il 2013 - ha aggiunto. Stiamo facendo un piano duro di riduzione della spesa per poter ottenere da Roma un sentiero di rientro progressivo e tutto questo è condizionato dal portare a casa una Finanziaria credibile".

Bianchi ha anche sottolineato che "non ci possiamo più permettere in Assemblea emendamenti che aumentano la spesa. Nel momento in cui chiuderemo il nostro progetto di bilancio dovrà essere chiaro che tutti gli emendamenti dovranno essere in varianza dei saldi, cioè dovranno trovare copertura all'interno del bilancio stesso".

"Questo - conclude - richiede un cambiamento totale di approccio e di prospettiva, ma è l'unica soluzione per uscire da una situazione da cui sarebbe difficilissimo venir fuori". Poi Bianchi ha puntualizzato che "entro la prossima settimana sarà pronto un progetto di bilancio". "Tra oggi e domani incontrerò - ha detto - tutti gli assessori e i dirigenti generali per cercare di affermare il principio dei capitoli di bilancio a budget zero, cioè azzerare tutti i capitoli di bilancio, chiedendo ai direttori generali di ricostituire ogni capitolo, indicando cosa vogliono fare per ogni singola voce insieme a un ordine di priorità". "Da questa operazione di spending rewiev, partendo dal basso verso l'alto - ha sottolineato -, contiamo di ottenere un significativo risparmio di spesa".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.