Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 17 ottobre 2017

Pubblicato: 20/08/2008

Mare inquinato, i turisti scappano

Agrigento: un lungo tratto del litorale delle Dune, al lido San Leone, è stato inibito alla balneazione a causa dei liquami che si disperdono nelle acque davanti alla costa

AGRIGENTO - "Mai più ad Agrigento", dice un turista mentre scappa dalla spiaggia del lido di San Leone, ad Agrigento. Oltre all'emergenza idrica nella città dei templi fanno anche i conti con il mare inquinato.

Un lungo tratto del litorale delle Dune, al lido San Leone, è stato infatti inibito alla balneazione. Le condotte sottomarine che dovrebbero portare al largo gli scarichi fognari sono rotti ed i liquami si disperdono in mare, dove sono ben visibili.

Una situazione che va avanti da quasi un mese con l'inquinamento che rischia ora di estendersi anche agli altri tratti del litorale con gravi problemi sanitari.

Sotto accusa la società "Girgenti acque", che si è aggiudicata la privatizzazione del servizio idrico e delle depurazioni che non è ancora riuscita a riparare i pennelli.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.