Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 21 febbraio 2017

Stampa straniera: "Italia senza governo e senza papa"

Giornali esteri preoccupati: "Il voto conduce all'instabilità politica e i cittadini rifiutano l'austerità. Il risultato non poteva essere peggiore per l'Europa"

Il risultato delle elezioni politiche in Italia apre molti dei principali quotidiani stranieri economici, che da un lato sottolineano il quadro di instabilità e dall'altro mettono in risalto il no all'austerità venuto fuori dalle urne.

Il Financial Times dedica l'apertura all'esito del voto italiano che, titola, "conduce all'instabilità" politica ed evidenzia il "clamoroso rifiuto all'austerità" espresso dagli elettori. E all'interno, a pagina 4, con le foto dei quattro principali protagonisti - Pier Luigi Bersani, Silvio Berlusconi, Beppe Grillo e Mario Monti - sottolinea come gli italiani "ne abbiano abbastanza" di misure di rigore.

Il Wall Street Journal, nell'edizione europea, in un richiamo in prima pagina parla di stalloin Italia e, all'interno, evidenzia: "Non c'è una vittoria chiara; Berlusconi sale". E parla di risultati "inconcludenti", il che vuol dire che "l'Italia potrebbe formare un governo temporaneo e poi chiedere agli elettori di tornare al voto entro pochi mesi".

Anche l'International Herald Tribune, la versione internazionale del New York Times, in prima pagina, scrive che gli elettori italiani "respingono l'austerità" e il "vecchio assetto": mentre i nuovi partiti segnano un'avanzata "impressionante", i risultati portano a una coalizione "traballante".

In un editoriale dal titolo "L'Italia ruzzola in una caotica incertezza", la Cnn sottolinea come "non solo l'Italia ha scelto di non abbracciare l'austerità di Mario Monti ma ha anche optato di dare un grande potere parlamentare alla protesta anti-sistema del M5S", ma forse "la cosa più sorprendente è che il centrosinistra abbia dissipato settimane in cui era dato per stabile favorito. E il risultato non poteva essere peggiore per l'Europa".

"Berlusconi rianima la sua carriera politica", titola il Washington Post osservando come l'esito del voto abbia lasciato "la chiara possibilità" che nelle prossime settimane il Paese sia "privo di un governo e di un papa".

"Grande confusione governa l'Italia", titola nei colori della bandiera nazionale la tedesca Bild. Le principali testate raccontano "lo tsunami" di Beppe Grillo, che ha travolto i partiti, pur avendo in mano un "programma vago", come scrive die Welt, preoccupata del fatto che Silvio Berlusconi "giochi ancora un ruolo, più forte del previsto".

"Raramente - scrive la Frankfurter Allgemeine Zeitung - in un Paese che si trova in una seria crisi regna così tanto baccano. Di questo è responsabile Beppe Grillo, ex comico dell'antipolitica, e "l'altro artista del baccano è Silvio Berlusconi".

L'incertezza del quadro politico uscito dalle urne in Italia si riflette oggi sulla stampa spagnola. "Berlusconi e l'antipolitica di Grillo condannano l'Italia all'ingovernabilità", scrive in apertura di prima pagina El Pais. "Italia bloccata dai buoni risultati di Berlusconi e Grillo", il titolo di El Mundo.





Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.