Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 22 agosto 2017

Pubblicato: 22/02/2013

Parmitano a spasso nello spazio

L'astronauta etneo sarà il primo italiano ad affrontare attività extra veicolari nella missione Volare per la quale partirà a fine maggio dalla base russa di Baikonur

ROMA - Luca Parmitano affronterà almeno due passeggiate spaziali, e si sta valutando anche la possibilità di una terza, nella missione "Volare" per la quale partirà a fine maggio dalla base russa di Baikonur. L'annuncio è stato dato oggi a Torino, dall'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Aeronautica Militare Italiana.

Non solo passeggiate spaziali per l'astronauta nato a Paternò. Secondo quanto annunciato da Enrico Saggese, presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, Parmitano manovrerà anche il braccio robotico della stazione spaziale internazionale per alcune operazioni previste nei sei mesi della missione Volare. Prima di Luca Parmitano, il braccio robotico della stazione orbitale era stato eseguito da un altro astronauta italiano, Paolo Nespoli, nella missione Esperia dell'autunno 2007.

"E' particolarmente entusiasmante - ha osservato Saggese - che Luca Parmitano sia stato selezionato per due, ma forse anche tre attività extra veicolari: è il primo italiano e il terzo in Europa ad essere stato selezionato per questa attività. I dettagli della missione sono in via di definizione da parte della Nasa, che sta lavorando per completare i piani di impiego del personale a bordo della Stazione Spaziale. La comunicazione definitiva delle attività previste è attesa all'inizio di marzo".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.