Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 19 novembre 2017

Via D'Amelio, chiesto rinvio a giudizio
per due boss e tre falsi pentiti

Caltanissetta: per i capoclan Vittorio Tutino e Salvino Madonia l'accusa di strage. Stralciata la posizione del collaboratore di giustizia Gaspare Spatuzza. Ammesse le parti civili

CALTANISSETTA - La Procura di Caltanissetta ha chiesto il rinvio a giudizio dei boss Vittorio Tutino e Salvino Madonia, imputati della strage di via D'Amelio in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta. Chiesto il processo anche per i falsi pentiti Vincenzo Scarantino, Salvatore Candura e Francesco Andriotta, accusati di calunnia aggravata.

All'udienza preliminare, davanti al gup di Caltanissetta David Salvucci, erano imputati anche il collaboratore di giustizia Gaspare Spatuzza e Calogero Pulci, ex pentito, poi espulso dal programma di protezione. Spatuzza ha chiesto il processo abbreviato. La sua posizione stata stralciata e potrebbe essere riunita a quella di un altro collaboratore di giustizia: Fabio Tranchina. Il processo stato rinviato al 15 febbraio.

Separata anche la sorte di Pulci, legittimamente impedito a partecipare all'udienza per motivi di salute. Per lui il processo stato rinviato all'8 febbraio. Dopo le conclusioni dell'accusa, rappresentata dal procuratore di Caltanissetta Sergio Lari, dall'aggiunto Domenico Gozzo, e dai pm Stefano Luciani e Gabriele Paci, stanno intervenendo le difese degli imputati.

I soggetti ammessi alla costituzione di parte civile dal gup di Caltanissetta sono i familiari di Paolo Borsellino e degli agenti della scorta, Vincenzo Murana e Gaetano Scotto, due dei sette condannati all'ergastolo per la strage di via d'Amelio per le accuse dei falsi pentiti, la Presidenza del Consiglio dei ministri, i ministeri della Giustizia e dell'Interno, la Regione Siciliana, il Comune di Palermo e il centro studi Pio La Torre.





Per commentare l'articolo necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso necessaria la verifica, baster cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.