Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 20 febbraio 2017

Ars: tagli per 5,4 milioni
ai gruppi parlamentari

Spending review radicale nel bilancio 2013: sacrifici anche per il personale interno con una riduzione di 2,4 milioni di euro. Il documento per la prima volta pubblicato on line sul sito del parlamento siciliano

PALERMO - Spending review 'salata' per deputati e dipendenti dell'Assemblea regionale siciliana. Nel bilancio 2013, approvato dal consiglio di presidenza dell'Ars, il taglio più consistente riguarda i trasferimenti ai gruppi parlamentari che dovranno rinunciare a 5,4 mln rispetto all'anno appena concluso. Il contributo passa così da 12,6 a 7,1 mln.

'Sacrifici' anche per il personale interno: il taglio è di 2,4 mln di euro. In questo caso, come annunciato dal presidente dell'Ars Giovanni Ardizzone (Udc), sono state colpite soprattutto le indennità di funzione e di risultato di dirigenti e funzionari del Parlamento con 970 mila euro in meno e i rimborsi con 400 mila euro in meno.

Complessivamente il Consiglio di presidenza ha tagliato 11,1 milioni di euro, tre milioni in più rispetto alla prima bozza elaborata dai questori in sede di proposta ritoccando al rialzo quasi tutte le voci. Ridotto l'aumento previsto per le collaborazioni esterne del consiglio di presidenza e delle commissioni parlamentari: l'incremento è di 965 mila euro e non di 1,3 milioni. In linea con la politica della trasparenza, voluta e adottata dal presidente Ardizzone, il bilancio dell'Ars per la prima volta è stato pubblicato sul sito del Parlamento.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.