venerdì, 25 luglio 2014

Catania, contratti prorogati per 179 precari

Approvata dalla giunta comunale una delibera che riguarda il personale Puc e che autorizza il prolungamento al 30 aprile 2013

CATANIA - La Giunta comunale di Catania ha approvato stamane in seduta straordinaria e urgente una deliberazione che autorizza la proroga al 30 aprile 2013 dei contratti di lavoro a tempo determinato per le 179 unità di personale adibite a progetti di pubblica utilità collettiva (Puc) in coerenza a quanto previsto dalla legge regionale approvata dall'Ars ieri notte.

La proroga dei contratti di lavoro è limitata a una prestazione oraria settimanale di 24 ore in quanto l'art. 243 bis del testo unico degli enti locali - introdotto recentemente dal decreto legge n. 174 del 2012 - ha condizionato l'accesso al fondo di rotazione per il riequilibrio finanziario del Comune alla riduzione, tra l'altro, del 50% della spesa del personale a tempo determinato. La deliberazione di proroga di questo personale risulta pertanto del tutto vincolata nel suo contenuto alle norme di legge.

L'Amministrazione Stancanelli, tuttavia, si è riservata di valutare la possibilità di future estensioni della prestazione oraria settimanale del personale Puc in subordine all'approvazione, da parte dei competenti organi ministeriali e contabili, delle deliberazioni concernenti il programma triennale del fabbisogno del personale - già adottato - e di quello riguardante il piano di riequilibrio pluriennale, in fase di predisposizione.
Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.