Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 24 giugno 2017

Sequestrano un gioielliere, ma il colpo fallisce

Palermo: quattro banditi armati minacciano uno dei titolari con la sua famiglia, costringendolo a riaprire il negozio. Ma l'allarme li fa fuggire

PALERMO - Quattro banditi armati di pistole hanno tentato di rapinare a Palermo la gioielleria 'Il gioiello di Pani', in via Sampolo, dopo aver sequestrato, minacciandolo uno dei titolari, che era in auto con la moglie e due bambini, e averlo costretto a tornare indietro e a riaprire il negozio.

E' accaduto ieri sera. Non appena i rapinatori sono entrati nel negozio, dove era in funzione l'impianto di videosorveglianza, è però scattato l'allarme che ha costretto i malviventi alla fuga. Il negoziante è stato bloccato nei pressi di via del Granatiere mentre era su un'auto insieme con la sua famiglia.

I rapinatori si sono fatti consegnare anche una borsa e i telefoni cellulari. Gli investigatori hanno notato alcune analogie con la rapina con sequestro di persona, che fruttò un cospicuo bottino, compiuta il 4 novembre scorso ai danni della gioielleria Di Giorgi di Corso Finocchiaro Aprile.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.