Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 20 ottobre 2017

Orlando: "Sto con Di Pietro e non lascio Idv"

Il sindaco di Palermo reagisce al momento critico del partito: "Sono onorato di esserne portavoce, io e il leader porteremo una profonda trasformazione"

CATANIA - "Non ho intenzione di lasciare Italia dei valori, di cui mi onoro di essere il portavoce nazionale". E' categorico il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. "Non mi rassegno a fare dell'Idv un partito morto come tutti gli altri, darò un contributo di necessaria profonda trasformazione assieme ad Antonio Di Pietro e a tutti coloro che non vogliono sottomettersi a politiche deleterie per il Paese".

Orlando precisa: "Credo opportuno chiarire a quanti avessero frainteso o voluto fraintendere le mie parole dei giorni scorsi. Dopo le elezioni amministrative, i referendum e il governo Monti è emersa la gravissima crisi del sistema dei partiti e del sistema della rappresentanza elettiva, ma allo stesso tempo una grande voglia di partecipazione e un bisogno di democrazia partecipativa".

Secondo il sindaco di Palermo "occorre che quanti ci credono lavorino a un grande progetto che non mira alla salvezza o alla sopravvivenza di un partito ma piuttosto alla prosecuzione di una esperienza politica e una forma di impegno collettivo di cui l'Italia ha ancora bisogno".




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.