Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 29 maggio 2017

Pubblicato: 13/10/2012

Un'impresa su due ko dopo 5 anni

Confartigianato: il 49,5% getta la spugna prima di compiere il quinquennio. Ma nonostante la crisi, l'Italia è la patria mondiale dell'imprenditoria: 6,6 aziende ogni 100 abitanti

ROMA - Quasi una impresa su 2 non ce la fa a superare i primi 5 anni di vita: il 49,5% delle aziende infatti getta la spugna prima di compiere il primo quinquennio, sconfitto da un ambiente troppo spesso ostile all'iniziativa economica. Ma nonostante la crisi, l'Italia è la "patria" mondiale dell'imprenditoria: 6,6 aziende ogni 100 abitanti. Lo afferma una rilevazione della Confartigianato. 

Ma quel 50,5% di aziende che resistono va a irrobustire un tessuto imprenditoriale che, nonostante la crisi, è tra i più vivaci del mondo. Secondo la Confartigianato, con 6,6 imprese ogni 100 abitanti l'Italia è in testa alla classifica dei Paesi ad economia avanzata con il più alto tasso di imprenditorialità. Al secondo posto la Francia con 4,1 imprese ogni 100 abitanti, seguita dal Regno Unito (2,8 aziende per 100 abitanti). Le imprese artigiane "spiccano" nel primato italiano: con 1.448.867 aziende la presenza sul territorio è capillare e diffusa. All'artigianato e alle piccole aziende si deve la tenuta occupazionale anche nella fase più acuta della crisi.

Tra il 2007 e il 2010 le micro imprese (con meno di 9 addetti) hanno fatto registrare un aumento dell'1,2% degli occupati a fronte di un calo dell'1,5% degli addetti del totale delle imprese. "Siamo un popolo di imprenditori - sottolinea il presidente di Confartigianato Giorgio Guerrini - e lo dimostriamo a dispetto della crisi e dei tanti ostacoli che spengono le iniziative imprenditoriali. Questa propensione va sostenuta sia nella fase di avvio dell'impresa sia soprattutto durante la vita dell'azienda. Non basta puntare sulle start up innovative se poi in Italia continuano a non esserci le condizioni favorevoli perché le imprese possano svilupparsi e generare occupazione".

"Bene facilitare la creazione di un'impresa quindi ma, conclude Guerrini, è anche indispensabile dare concreti segnali alle imprese che già esistono e assicurare la solidità del nostro tessuto produttivo". Prato, Fermo e Reggio Emilia sono le "piccole patrie" dell'artigianato con il più alto tasso di imprese attive. Tra i Comuni spiccano Piode (Vercelli), dove ci sono 9,2 aziende ogni 100 abitanti; Cingoli (Macerata), 6 imprese per 100 abitanti, Monte Urano (Ascoli Piceno), 5,8 aziende. Tra quelli più grandi è Montemurlo (Prato) a detenere la palma del Comune più artigiano d'Italia: 6,6 aziende ogni 100 abitanti.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.