Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 29 aprile 2017

Pubblicato: 05/10/2012

Catania, sorpresi a sotterrare la droga

Scoperto un vero opificio nella zona di via Galermo dove si confezionavano cocaina e marijuana al dettaglio: in manette tre persone

CATANIA - Tre persone sono state arrestate a Catania per detenzione ai fini di spaccio di marijuana e di cocaina, in concorso dai carabinieri, che hanno sequestrato 1 kg 620 grammi di marijuana e 70 grammi di cocaina. Gli arrestati sono Carmelo Privitera e Carmelo Maiuri, entrambi di 49 anni, e C.V. di 20. Privitera è stato bloccato mentre stava sotterrando in una buca di strada sterrata un sacco di plastica contenente 1,5 chilogrammi di marijuana. Lo stupefacente sequestrato avrebbe fruttato un guadagno di circa 22.000 euro.

Secondo quanto accertato i tre avevano avviato un'attività di spaccio in via Capo Passero, dove avevano messo su un vero e proprio opificio della sostanza stupefacente, che veniva stoccata all'ingrosso in depositi 'naturali' e poi preparata e confezionata per lo spaccio al dettaglio.

Privitera, dopo aver sotterrato la droga, la prelevava in relazione alla richiesta e la consegnava ai due complici, che provvedevano al confezionamento per il commercio al dettaglio in un immobile attiguo. Durante una perquisizione in un appartamento nella loro disponibilità i militari hanno trovato altre tre buste nascoste nel doppiofondo di un mobile con altri 120 grammi di marijuana, 10 grammi di cocaina, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento. Nell'abitazione hanno anche trovato un involucro di cellophane contenente altri 60 grammi di cocaina.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.