Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 23 agosto 2017

Sicilia: sfiorati i 40 gradi, tornano i roghi

La nuova ondata di caldo africano ha portato spiagge affollate, ma anche numerosi incendi: 80 nel solo Palermitano, nel Catanese in fiamme la collina di Vampolieri e il Villaggio Azzurro

PALERMO - Un'ondata di caldo africano, con forti raffiche di scirocco, ha fatto sfiorare oggi in Sicilia i 40 gradi. Le spiagge si sono di nuovo riempite e sono divampati numerosi incendi: circa 80 solo in provincia di Palermo, con un fronte esteso dalle Madonie all'isola di Ustica.

In provincia di Catania due grandi roghi hanno impegnato i vigili del fuoco sulla collina di Vampolieri e nel Villaggio Azzurro, nella periferia sud della città, nelle vicinanze di diverse abitazioni. Le fiamme sulla collina di Vampolieri sono divampate poco prima delle 15 e hanno coinvolto il tetto di un'abitazione.

All'opera due squadre di pompieri, due autobotti di rincalzo e un elicottero dei vigili del fuoco, che ha effettuato numerosi lanci. Nel Villaggio Azzurro le fiamme sono divampate intorno alle 16.30. Anche in questo caso è intervenuto un elicottero del corpo forestale.

Pompieri e volontari della protezione civile in azione pure nel Palermitano per spegnere roghi in gran parte di origine dolosa. Le emergenze più gravi nelle campagne di Petralia Sottana, a Termini Imerese, Trabia, Corleone e Montemaggiore Belsito.

Solo nell'isola di Ustica sono divampati tre incendi. Il più grave ha investito e in buona parte distrutto il bosco di Timpa nella zona di Sciara. Per domare le fiamme è stato necessario chiedere l'intervento dei canadair. Un altro vasto incendio si è avuto nella contrada di Sant'Anastasia, tra Pollina e Castelbuono. Le squadre di soccorso hanno fatto evacuare alcuni villini. I meteorologi prevedono che il caldo e le alte temperature proseguiranno in tutta la Sicilia fino alla prima settimana di ottobre. Le medie stagionali subiranno incrementi significativi.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.