Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 26 luglio 2017

Pubblicato: 04/09/2012

Regione, sì alla spending review

Approvato il documento che prevede tagli del 20% alle spese, una stretta sulle auto blu e sui benefit per dipendenti e dirigenti regionali e una cura dimagrante per gli uffici di gabinetto. Armao: "Rispettati impegni con Monti"

PALERMO - Il governo di Raffaele Lombardo ha approvato la spending review per via amministrativa. Il documento, elaborato dall'assessore all'Economia Gaetano Armao, prevede tagli del 20% alle spese di acquisto di beni e servizi, riduzione dei costi degli affitti, stretta su auto blu, sforbiciata a benefit per dipendenti e dirigenti degli enti regionali inclusi telefonini e tablet, cura dimagrante per gli uffici di gabinetto.

I tagli della spending review potrebbero portare a risparmi per 150-200 milioni all'anno dal 2013, ma già per quest'anno, secondo Armao, potrebbero determinare minori spese per una cinquantina di milioni. Previsto anche un maggiore ricorso ai pagamenti elettronici e il blocco del turn over nelle assunzioni.

"La delibera della giunta di governo di questa sera sulla revisione della spesa consolida il percorso di risanamento intrapreso dal governo regionale, che ha ridotto la spesa al di sotto del 2001. I provvedimenti adottati consentono di corrispondere agli impegni assunti col presidente Monti e danno forza alle giuste rivendicazioni della Sicilia di alleggerire il Patto di stabilità per rispondere alle esigenze di imprese, enti locali e lavoratori", ha detto Armao alla fine dei lavori della giunta.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.