Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 24 giugno 2017

Pubblicato: 21/07/2008

Fiori d'arancio per la piccola Riina

Lucia, ultima figlia del Capo dei capi, si sposerÓ a Corleone con Vincenzo Belluomo, giÓ sospettato di essere colui di cui si parla in un pizzino ritrovato nel covo di Bernardo Provenzano

CORLEONE (PALERMO) - La figlia minore di Salvatore Riina, Lucia, 28 anni compiuti lo scorso 11 aprile, si sposerà , mercoledì, mattina nella chiesa dell'Immacolata, a Corleone, con Vincenzo Bellomo, rappresentante, con cui è fidanzata da alcuni anni. Dopo la cerimonia è previsto l'intrattenimento nel ristorante "La Schiera" dov'è atteso un centinaio di persone.

Il futuro marito della più piccola dei quattro figli del capomafia corleonese condannato a diversi ergastoli, ha 34 anni ed è già stato al centro delle attenzioni investigative antimafia perchè sospettato di essere il "Vincenzo Belluomo" di cui si parla in un pizzino ritrovato nel covo di Montagna dei Cavalli, a Corleone, dov' è stato arrestato l'altro padrino corleonese Bernardo Provenzano. Nel bigliettino, scritto dal capomafia palermitano Salvatore Lo Piccolo, che all'epoca era latitante, c'è un riferimento a una persona da segnalare a "Sisa, Ferdico eccedera eccedera". Il boss di San Lorenzo rispondendo a Provenzano dice "io li conosco tutti" e quindi "non ci sono problemi".

L'ipotesi investigativa sostiene che Bellomo sarebbe stato aiutato dalla mafia per piazzare i prodotti di cui è rappresentante nelle catene della media distribuzione palermitana.

Al matrimonio parteciperanno gli altri due figli di Riina e Ninetta Bagarella (sorella di Leoluca, mafioso e sicario anche lui con più ergastoli sulle spalle): Maria Concetta, 34 anni, sposata e con un figlio, e Giuseppe Salvatore, 31 anni, condannato a 8 anni e 10 mesi di carcere ma in libertà, da alcuni mesi nel suo paese e sorvegliato speciale, perchè l'attesa per la condanna definitiva ha superato i termini per la custodia cautelare dopo essere stato in carcere circa sei anni. Non parteciperà il secondogenito del boss Giovanni, 32 anni, anche lui mafioso e condannato all'ergastolo.

Lucia Riina ha scoperto chi fosse il padre solo dopo la cattura il 15 gennaio '93; Ninetta Bagarella, dopo il clamoroso e spettacolare arresto del marito, che era latitante da un trentennio da parte dei carabinieri del Ros, lasciò la villa super ricca di via Bernini a Palermo e tornò nella casa di famiglia in via Scorsone a Corleone, portandosi i quattro figli, ancora ragazzini.

Fino a quel momento la bambina era convinta di chiamarsi Lucia Bellomo. Salvatore Riina, infatti, venne arrestato con addosso una carta d'identità intestata a Vincenzo Bellomo, agricoltore di Mazara del Vallo poi condannato per favoreggiamento del boss. Ora Lucia si sposa con un vero "Vincenzo Bellomo".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.