Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 21 luglio 2017

Accordo Windjet-Alitalia, l'affare si complica

Se dovesse saltare l'operazione, i voli low cost rischiano di restare a terra. Per l'Enac la compagnia di bandiera dovrà farsi carico dei passeggeri. I sindacati: "Un fallimento sarebbe incomprensibile". Bianco (Pd): "E' necessario evitare disagi ai viaggiatori"

CATANIA - Trattativa no stop per cercare di arrivare a una intesa tra Alitalia e Windjet. Secondo fonti che seguono il dossier, l'operazione di acquisizione da parte di Alitalia della compagnia low cost si sarebbe complicata. Se dovesse saltare l'operazione, i voli Windjet rischiano di rimanere a terra, con seri problemi per le centinaia di passeggeri che hanno in mano biglietti aerei.

Fonti Enac fanno sapere che in caso di fallimento della trattativa, Alitalia dovrebbe farsi carico dei passeggeri in quanto Windjet avrebbe continuato a staccare ticket su richiesta della stessa compagnia di bandiera nella prospettiva della definizione dell'accordo.

"Le notizie relative a improvvisi ripensamenti sul progetto di incorporamento della Wind Jet in Alitalia sono allarmanti" afferma la Uil di Catania sottolineando che "una simile eventualità danneggerebbe centinaia di lavoratori e milioni di passeggeri compromettendo un intero sistema regionale e nazionale del trasporto aereo che si è formato in questi anni". Il sindacato ha inviato al ministro dei Trasporti Corrado Passera, al presidente dell'Antitrust Giovanni Pitruzzella e all'amministratore delegato di Alitalia Andrea Ragnetti, una lettera in cui ricorda il "valore strategico" della trattativa e chiede "subito un tavolo di confronto in sede ministeriale anche al fine di affermare un indiscutibile principio di intervento del Governo e della Politica in vertenze di questa portata".

"È per noi incomprensibile - osservano dalla Uil - che fallisca in dirittura d'arrivo una lunga trattativa di cui Alitalia, sin dall'inizio, conosceva bene complessità e delicatezza di contenuti. Sono certamente discutibili le condizioni poste dall'Antitrust, ma non a tal punto da mandare a monte una fusione che la stessa Autorità Garante ha definito utile per la tutela della concorrenza a tutto favore dei passeggeri". Secondo la Uil  in caso di mancato rispetto dell'accordo "sarebbe destinata a rimetterci non solo Wind Jet, ma in un futuro non lontano anche Alitalia".

Sulla vicenda è intervenuto anche il senatore del Partito democratico Enzo Bianco. "Invito Alitalia a considerare l'aquisizione di Wind Jet anche con i paletti posti dall'Antitrust. Se la compagnia di bandiera dovesse rinunciare all'acquisizione di Wind Jet si aprirebbe uno scenario drammatico per i lavoratori, che vanno assolutmente salvaguardati".

"D'altronde, è assolutamente necessario evitare disagi ai viaggiatori che hanno già acquistato biglietti da Wind Jet, così come non è sopportabile che -aggiunge Bianco- in caso di acquisizione della compagnia catanese, su alcune tratte, i siciliani possano essere costretti a pagare tariffe eccessive mentre nel mondo si vola low cost".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.