Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 19 agosto 2017

Pubblicato: 21/06/2012

Scipione non dà tregua

L'ondata di caldo provocata dall'anticiclone subtropicale avrà il suo picco tra oggi e venerdì, con, punte di 40°. Bollino rosso per 15 città. In Sicilia sarà Catania la provincia più rovente

ROMA - Secondo i meteorologi, 'Scipione', l'anticiclone subtropicale che ha le sue radici nell'Africa sahariana, darà la sua performance migliore tra oggi e venerdì con i 40 gradi sul Foggiano, 40 su molte zone del Sud e della Sicilia, 38-39 sulle regioni adriatiche, 36-37 tra l'Emilia e le zone interne della Romagna, 36 a Firenze e Roma. I 35-36 gradi saranno praticamente una costante nelle maggiori città e i 32-34 afosi di Milano saranno percepiti come 38.

IN SICILIA SARA' CATANIA LA CITTA' PIU' CALDA. Secondo l'ufficio meteo di Sigonella Catania sarà la città più calda della Sicilia, con punte di 38 gradi. Sono state così attivate all'Asp etnea le procedure per l'allertamento, la prevenzione e il contenimento degli effetti negativi sulla salute provocate da ondate anomale di calore.

PIANO ANTI-CALDO. "Il nostro compito - dice il commissario straordinario dell'Asp, Gaetano Sirna - è di ridurre, alleviare e prevenire i rischi mettendo in campo una rete di servizi e di risorse professionali per salvaguardare la salute dei cittadini più deboli: anziani, bambini, malati cronici, pazienti sottoposti a terapie farmacologiche psicotrope". Le alte temperature possono causare problemi alla salute nel momento in cui alterano il sistema di regolazione della temperatura corporea. "Le procedure attivate rientrano - continua Sirna - tra le misure previste dal dipartimento nazionale di protezione civile, predisposte con il ministero della Salute".

BOLLINO ROSSO PER 15 CITTA'. Dal ministero della Salute, il "bollino rosso" è indicato per 15 città sia per venerdì che per sabato prossimo. Nelle zone emiliane colpite dal sisma si supereranno i 35 gradi. Poi sabato dovremmo smettere di boccheggiare, quando infiltrazioni fresche atlantiche innescheranno dei temporali che riporteranno la colonnina di mercurio sotto i 29 gradi al Nord, quindi su valori nella norma. Al Sud invece il caldo intenso continuerà per qualche giorno, ma in graduale attenuazione.

DECALOGO PER SOPRAVVIVERE AL CALDO. Intanto si sprecano i consigli su come sopravvivere alle alte temperature di questi giorni ma in generale durante l'estate: evitare di uscire dalle 12 alle 17, bere molti liquidi, consumare pasti leggeri. Sono alcuni dei consigli di Federanziani, che ha lanciato un decalogo per proteggere i 'nonni' dai colpi di calore e trascorrere un'estate in sicurezza. La regola numero 1 è evitare di uscire nelle ore più calde della giornata, seguita dall'arieggiare l'ambiente dove si vive, anche utilizzando un ventilatore. E se a Firenze e in tutte le province del Veneto si lancia l'allarme ozono, a Roma toccati i 36.1 gradi, superando così il record come giornata più calda di giugno da 230 anni, per la Capitale, stabilito appena lunedì scorso.

DUE MORTI PER L'ONDATA DI CALORE. L'ondata di caldo che ha investito l'Italia in questi giorni ha già fatto registrare due morti: l'ultimo ieri in spiaggia a Rimini. E l'ondata di caldo africano, come da previsioni, non accenna a diminuire e raggiungerà il picco solo domani, venerdì. "Bollino rosso" per 15 città sia venerdì che sabato. Una turista di 69 anni, E.B., di Lodi, è morta sulla spiaggia di Bellaria-Igea Marina. La donna è stata uccisa da un infarto mentre passeggiava sulla riva con la sorella, con la quale era arrivata lo scorso weekend per una settimana al mare. Un altro decesso, dovuto anche al caldo, sempre nella stessa zona ma ieri. La Capitaneria di porto di Rimini ha diramato una nota per avvertire i bagnanti di evitare l'esposizione al sole nelle ore più calde, con particolare attenzione a bambini e anziani.

IL NUMERO VERDE DEL MINISTERO DELLA SALUTE. Centinaia di chiamate, intanto, al numero gratuito nazionale 1500 del ministero della Salute che fornisce consigli e informazioni su come difendersi dalle alte temperature di questi giorni. A contattare il numero verde, in 400 in poche ore, soprattutto uomini di età compresa tra 35 e 65 anni e donne tra i 65 e gli 85 anni.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.