Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 06 dicembre 2016

Pubblicato: 15/06/2012

Guida blu premia la Sicilia

Salina incoronata come migliore meta per il turismo balneare ecosostenibile. Conquistano le 5 vele di Legambiente e Touring Club anche Noto e San Vito Lo Capo

CATANIA - Santa Marina di Salina nell'arcipelago delle Eolie, Pollica nel Cilento e la sarda Posada sono le località balneari migliori per una vacanza estiva all'insegna dell'ecosostenibilità. A incoronare i tre comuni è la 'Guida Blu' di Legambiente e Touring Club, che da 12 anni assegna le "5 vele" - il massimo riconoscimento - alle destinazioni marine e lacustri della Penisola.

Tutela della natura, qualità delle acque e bellezza del paesaggio, ma anche accessbilità, qualità dei servizi e cura dei beni storici e artistici sono i criteri di valutazione che quest'anno hanno portato ad assegnare le "5 vele" a 13 comuni italiani.

A Santa Marina Salina, Pollica e Posada, sul podio, seguono le grossetane Castiglione della Pescaia e Capalbio. In Sardegna, prima regione italiana, sono premiate anche Villasmius, Bosa e Baunei, mentre la Sicilia piazza nella rosa dei vincitori anche San Vito Lo Capo e Noto. La Basilicata entra in classifica con Maratea; la Puglia con Ostuni e Melendugno.

Sul fronte lacustre l'eccellenza si concentra in Trentino Alto Adige, che conquista l'intero podio con Appiano sulla Strada del Vino (lago di Monticolo), Fiè allo Sciliar (lago di Fiè) e Molveno (lago di Molveno). Ottengono le "5 vele" anche la Lombardia con Bellagio (lago di Como), la Toscana con Massa Marittima (lago dell'Accesa) e l'Umbria con Tuoro sul Trasimeno (lago Trasimeno).

Accanto alle eccellenze, numerosi i comuni premiati con un numero inferiore di vele, per un totale di 378 località che mettono in mostra, seppur in diverse misure, i vantaggi economici del turismo sostenibile. "Il 56% degli italiani, stando a un sondaggio Ipr, sono disponibili a pagare qualcosa in più se c'è garanzia per l'ambiente", spiega il responsabile Mare di Legambiente, Sebastiano Venneri, che sottolinea come "un'analisi dei Comuni con le "5 vele" mostri un trend di crescita della domanda turistica più ampio rispetto alla crescita della media delle località balneari".

La tendenza, osserva il presidente del Touring Club Italiano Franco Iseppi, mette in luce "una domanda di turismo diversa rispetto alle classiche vacanze balneari, più personale, in cui assumono peso parametri immateriali come l'ambiente". A intravedersi, rimarca, è "la domanda futura del turismo, dove il come diventa importante quanto il "dove e il perchè".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.