Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 21 novembre 2017

Pubblicato: 07/06/2012

Catania, rinascita di San Berillo

Presentato dal sindaco Stancanelli e dall'architetto Cucinella il plastico del piano di risanamento del vecchio rione. Previsti spazi verdi, un teatro e un'area museale

CATANIA - Il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli e l'architetto Mario Cucinella stamane nel capoluogo etneo hanno presentato il plastico del piano di risanamento del vecchio rione San Berillo. Il progetto prevede gradi spazi a verde anche terrazzati con ampie strutture di servizio pubbliche e private, edifici per civile abitazione e spazi commerciali, un teatro, un'area mercatale, parcheggi interrati, una piccola area museale e altre infrastuttture per attrarre i cittadini.

Il progetto definitivo è frutto dell'accordo di conciliazione siglato lo scorso 17 novembre al Tar di Catania, con cui il Comune e le parti private hanno concordato i nuovi punti qualificanti del  progetto stabilendo, tra l'altro, una rideterminazione della cubatura realizzabile sulle aree interessate di complessivi 240 mila metri cubi, con una volumetria di oltre il 30% in meno rispetto al precedente Accordo Quadro firmato nel 2008; il mantenimento nell'attuale sito della scuola Giovanni Pascoli, che dunque non sarà abbattuta, e l'eliminazione dell' interramento di Corso dei Martiri.

"Siamo di fronte - ha detto Stancanelli - a un fatto di portata storica che rigenera Catania in una delle sue ferite mai sanate. Mentre prima il Comune pagava i privati inutilmente per un contenzioso che andava da sessanta anni, oggi presentiamo uno straordinario progetto di valorizzazione urbana che dal prossimo autunno comincia a diventare realtà concreta".

"La riqualificazione del vecchio San Berillo - ha aggiunto - insieme al Prg rappresenta uno dei punti qualificanti del programma che abbiamo centrato. È la nuova Catania che nasce e si realizza nella legalità e nella trasparenza e che insieme vedremo crescere nei prossimi anni".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.