Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 24 aprile 2017

Redditi, il Sud è sempre in fondo alla classifica

I dati pubblicati dal Sole 24 Ore: nella top ten otto centri della Lombardia e due del Piemonte. Tra i Comuni più poveri terzo posto per Mazzarrone

ROMA - È Galliate Lombardo, in provincia di Varese, il Comune italiano con il reddito medio più alto: 74.744,50 euro all'anno. Nella top ten figurano otto centri della Lombardia e due del Piemonte. In coda c'è invece Platì, in provincia di Reggio Calabria, dove nell'anno di imposta 2010 il reddito medio è stato pari a 11.692,90 euro.

Sono alcuni dei dati pubblicati oggi dal 'Sole 24 Ore' che elaborano le migliaia di tabelle, divise per Comuni e anno di imposta, pubblicate dal Dipartimento delle Finanze del ministero dell'Economia. I dati riguardano il reddito imponibile ai fini dell'applicazione delle addizionali Irpef.

Secondo le classifiche messe a punto dal quotidiano economico-finanziario, i paesi con il maggiore imponibile medio per contribuente (classifica su reddito 2010) sono Galliate Lombardo (Va), Basiglio (Mi), Cusago (Mi), Pino Torinese (To), Carate Urio (Co), Campione D'Italia (Co), Pecetto Torinese (To), Torre D'Isola (Pv), Segrate (Mi) e Arese (Mi).

Se si capovolge la classifica e si considerano invece i minori redditi imponibili medi per contribuente figurano Platì (Rc), Elva (Cn), Mazzarrone (Ct), Cavargna (Co), Trarego Viggiona (Vb), Valsolda (Co), Castelmagno (Cn), Schiavi Di Abruzzo (Ch), Careri (Rc), Umbriatico (Kr).




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.