Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 29 aprile 2017

Palermo, parcheggio abusivo
fruttava 3.700 euro al mese

Sequestrata un'area pubblica nel quartiere Borgo vecchio recintata e provvista di telecamere a circuito chiuso per garantire più sicurezza ai mezzi in sosta, denunciato un 29enne

PALERMO - Telecamere a circuito chiuso e tutti i comfort per gli automobilisti. Sono le caratteristiche di un parcheggio abusivo realizzato in un'area pubblica di 500 metri quadrati nel quartiere storico del Borgo vecchio, a Palermo. Un'attività che garantiva al titolare dell'attività illegale di guadagnare, senza pagare tasse, circa 3.700 euro al mese.

La cifra è stata calcolata dalla guardia di finanza, che ha denunciato "l'imprenditore" di 29 anni per occupazione di suolo pubblico. L'area è stata sequestrata. I veicoli parcheggiati erano oltre 200 (circa 150 autovetture e 50 motoveicoli).

"La documentazione extracontabile rinvenuta durante  i controlli - affermano le Fiamme gialle - costituita da appunti, ricevute 'informalì di pagamento, elenchi di clienti - conteneva una puntale ricostruzione dei guadagni dell'attività, avviata nel 2005 per cifre consistenti". Con un guadagno non dichiarato al fisco di circa 300 mila euro.

Il prezziario variava in base alla tipologia dei mezzi di trasporto lasciati in custodia: dal consueto euro l'ora per soste di breve periodo, si arrivava alla somma di 300 euro mensili per la custodia di veicoli commerciali e camper.

Al termine del controllo fiscale, i finanzieri hanno calcolato che l'evasione ai fini delle imposte sui redditi era pari a circa 90 mila euro e ai fini Iva di 53 mila euro, contestando sanzioni per tale ultimo tributo per 63 mila euro.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.