Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 26 agosto 2016

Pubblicato: 29/03/2012

Etna candidato al patrimonio Unesco

Il ministero dell'Ambiente ha ricevuto richiesta formale del centro di Parigi, il vulcano potrebbe entrare a breve nella World heritage list

CATANIA - L'Etna, il vulcano attivo più altro d'Europa, è ufficialmente candidato per entrare a far parte della World heritage list dell'Unesco, per diventare un sito naturale del Patrimonio mondiale dell'umanità. Il direttore generale del ministero dell'ambiente Renato Grimaldi, dopo averne ricevuto formale comunicazione dal direttore del Centro del patrimonio mondiale Unesco di Parigi, l'indiano Kishore Rao, ha a sua volta informato il Parco dell'Etna, insieme a una nota di congratulazioni.

È stato infatti il Parco dell'Etna a proporre la candidatura del Monte Etna e a preparare il relativo dossier (ed è la prima volta in assoluto di un Parco italiano per una candidatura tra i siti naturali), poi fatto proprio dal ministero dell'Ambiente, che come vuole la procedura lo ha formalmente presentato al centro del Patrimonio mondiale.

"È un ulteriore, fondamentale passaggio di un iter che cercheremo di condurre felicemente in porto - afferma il commissario straordinario del Parco, Ettore Foti - con il sostegno concreto innanzitutto di tutti gli enti e delle istituzioni locali, delle organizzazioni imprenditoriali e di categoria, delle associazioni e della società civile, del mondo della scienza e dell'informazione".

Per l'assessore all'Ambiente della Regione siciliana, Sebastiano Di Betta, "l'accettazione della candidatura nella World heritage list è un riconoscimento alla valenza internazionale di un bene ambientale come l'Etna  che è emblema della nostra terra nel mondo, un sito unico, che racchiude in sè caratteristiche naturalistiche, ambientali, paesaggistiche e culturali di enorme rilevanza".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.