Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 01 luglio 2016

Pesce palla pescato nelle acque dello Stretto

La guardia costiera di Messina: "Un esemplare estremamente velenoso se ingerito, diffuso nelle fasce tropicali ed equatoriali"

MESSINA - La Guardia Costiera di Messina comunica che nei giorni scorsi alcuni pescatori locali durante una battuta di pesca nelle acque dello Stretto di Messina, hanno catturato un esemplare di 'pesce palla argenteo' estremamente velenoso qualora ingerito.

Il pesce appartiene alla famiglia dei Tetraodontidi la sua pelle, il fegato e gli organi riproduttivi contengono una sostanza altamente tossica (la tetradotossina), che se ingerita determina l'arresto degli impulsi nervosi, conducendo anche a paralisi totale, blocco della respirazione e in alcuni casi a morte per soffocamento.

Si tratta di una specie diffusa soprattutto nelle fasce tropicali ed equatoriali degli oceani Atlantico e Pacifico.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.