Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 19 novembre 2017

Colonne di fumo sull'Etna: "Escluse eruzioni"

L'Ingv non prevede nuovi fenomeni: "Negli ultimi giorni registrato un aumento dei parametri superiore alla media, ma per ora si tratta soltanto di una normale attività di degassamento"

CATANIA - "Negli ultimi 3-4 giorni abbiamo registrato un aumento dei parametri superiore alla media. Sono giorni agitati per l'Etna, ma questo non significa che si verificherà un'eruzione, per adesso è improbabile". Così il vulcalogo dell'Ingv etneo Mauro Coltelli, parlando della situazione sull'Etna dove da stamattina il fumo prodotto dai crateri sommitali si è intensificato.

Coltelli ha rassicurato turisti e gitanti sull'Etna: "Nessun problema, non siamo ancora in una fase pre-eruttiva e il fumo è causato solo dal degassamento. Si tratta di variazioni tipiche che si verificano tra un'eruzione e l'altra". L'ultima attività eruttiva dell'Etna risale all'8 febbraio, la ventesima dallo scorso anno e la seconda del 2012.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.