Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 19 novembre 2017

"Servono 2,3 mld di euro per chiudere il bilancio"


PALERMO - Il governo deve recuperare 2,3 miliardi di euro per potere chiudere il bilancio di quest'anno. È questo il calcolo fatto dall'assessore all'Economia, Gaetano Armao, che ha spiegato la situazione finanziaria della Regione siciliana al tavolo tecnico riunito stamattina a Palazzo Chigi.

"La situazione è complessa, stiamo lavorando in diverse direzioni: dalla spending review per il controllo della spesa al confronto con lo Stato sul federalismo fiscale, le accise e la compartecipazione alla spesa sanitaria", afferma Armao.

Armao ha rifatto i conti alla luce delle disposizioni introdotte dal decreto 'salva-Italia' del premier Monti, che prevede per esempio modifiche sull'Irpef calcolata per gli immobili. L'effetto è che il quadro economico-finanziario prefigurato nel documento di bilancio 2012 presentao all'Assemblea regionale alla fine dell'anno scorso e poi 'congelato' per procedere all'approvazione dell'esercizio provvisorio è notevolmente peggiorato.

Il nuovo documento, su cui stanno lavorando gli uffici del bilancio, prevederà tagli alla spesa per 1,3 miliardi di euro, ai quali si aggiungeranno ulteriori minori entrate per 450 milioni di euro che la Regione incassava come Irpef sugli immobili e che la nuova Imu destina a Stato e Comuni. Serviranno poi ulteriori 650 milioni per finanziaria la spesa sanitaria.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.