Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 27 aprile 2017

Pubblicato: 15/01/2012

Lite condominiale finisce a coltellate

Caltanissetta: arrestato Vincenzo Passaro, un pregiudicato di 57 anni. Quarantacinquenne ferito al braccio. Alla base del diverbio alcuni rumori molesti che disturbavano il sonno del figlio dell'aggressore

CALTANISSETTA - Una lite tra condomini in uno stabile di via Pio La Torre a Caltanissetta è sfociata nel ferimento di un uomo, colpito al braccio con un coltello, e nell'arresto del suo aggressore, un pregiudicato di 57 anni, Vincenzo Passaro. Le accuse nei suoi confronti sono di lesioni aggravate e porto di coltello.

Secondo la ricostruzione della polizia, intervenuta ieri sera dopo la segnalazione di alcuni condomini, la lite sarebbe stata innescata dalle proteste della figlia di Passaro che protestava con una vicina che abita al piano superiore perchè alcuni rumori molesti avrebbero disturbato il sonno del suo bambino.

Dopo un primo alterco tra le due donne è salito anche Passero, in visita in casa della figlia, che - secondo alcuni testimoni - ha tentato di colpire all'addome con un coltello un parente della vicina. L'uomo, che ha 45 anni, è stato raggiunto dal fendente al polso sinistro. Secondo i medici dell'ospedale guarirà in otto giorni.

Quando gli agenti si sono presentati Passero ha tentato di negare ogni addebito, ma in casa della figlia è stato trovato il coltello da cucina utilizzato per l'aggressione, ancora sporco di sangue. Per il pregiudicato è scattato così l'arresto in flagranza. L'uomo è stato così accompagnato nel carcere di Caltanissetta.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.