Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 22 settembre 2017

Cade dalla tromba delle scale
gravissimo bimbo di due anni

Tragedia a Ispica: il piccolo ha scavalcato la ringhiera per affacciarsi, ma ha perso l'equilibrio precipitando nel vuoto da un'altezza di sei metri

ISPICA (RAGUSA) - Un bambino di due anni e mezzo, G.I., è ricoverato in gravissime condizioni nella divisione di rianimazione dell'ospedale 'Cannizzaro' di Catania. Il piccolo, di Ispica (Rg), è caduto dalla tromba delle scale da un'altezza di sei metri.

Secondo la prima ricostruzione, il bimbo ha scavalcato la ringhiera della scala per affacciarsi ma ha perso l'equilibrio precipitando nel vuoto. Presenta una grave frattura del cranio e i sanitari del pronto soccorso dell'ospedale Maggiore di Modica lo hanno trasferito in elisoccorso a Catania. 

Il primario del pronto soccorso dell'Ospedale 'Maggiore' di Modica, Carmelo Scarso, ha ritenuto necessario il trasferimento nell'ospedale 'Cannizzaro' perché il bambino presentava un trauma con frattura del mappamondo del cranio e conseguente emorragia.

"A soccorrerlo è stata la stessa madre - dice il primario - che da Ispica a Modica l'ha trasportato in auto. Quando è arrivato in ospedale il bambino era in arresto cardiocircolatorio e siamo riusciti a stabilizzarlo in tempo, ma la gravità del trauma cranico e la conseguente frattura rendono il quadro clinico estremamente preoccupante. Le condizioni del bambino sono gravissime ed è per questo che abbiamo predisposto con urgenza il trasferimento nella divisione di Rianimazione del 'Cannizzaro' di Catania".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.