Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 23 aprile 2017

Telefono Rosa: "Ennesimo episodio, è una mattanza"


ROMA - "È stata massacrata l'ennesima donna. Questa volta in provincia di Catania a perdere la vita per colpa di un suo ex è stata Stefania Noce, una giovane splendida donna, impegnata socialmente, amata da tutti, rea solo di aver voluto interrompere una relazione": Telefono Rosa interviene sulla vicenda del duplice omicidio di Catania.

"E' una vera e propria mattanza quelle cui assistiamo in Italia. Mentre le cronache sono piene dei problemi della crisi economica, in Italia c'è un problema di una gravità inaudita che non riesce a trovare la giusta attenzione: la violenza sulle donne" dice la presidente di Telefono Rosa, Maria Gabriella Carnieri Moscatelli.

"Chiediamo a questo Governo, e in particolare alla ministra dell'Interno e alla ministra con delega alle Pari Opportunità - dice Moscatelli - di convocare tavoli tecnici con i Centri Antiviolenza, perchè è ormai evidente che quello che l'Italia fa sul tema della violenza sulle donne è privo di reali politiche capaci di fronteggiare questo problema di inaudita gravità".

L'associazione ricorda i dati "spaventosi" della violenza sulle donne: in Italia una donna viene uccisa ogni tre giorni, un giorno sì e due no, e questo quasi sempre ad opera di un uomo. "A fronte di questi numeri e dei continui agghiaccianti casi di cronaca - conclude Moscatelli - qualunque Paese adotterebbe misure straordinarie. Ci auguriamo e chiediamo con forza che il nuovo Governo comprenda la necessità di un impegno maggiore di quello avuto da tutti i governi precedenti e dimostri subito la sua sensibilità al riguardo".




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.