Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 30 aprile 2017

Comiso: aeroporto? No, pista per Ferrari

Alcuni filmati diffusi sul web riprendono le prove di tre auto di grossa cilindrata sulla pista dello scalo Magliocco. Il sindaco minimizza: "Sopralluogo per un'iniziativa destinata alle famiglie bisognose"

COMISO (RAGUSA) - Il sindaco di Comiso, Giuseppe Alfano, accanto a tre fiammanti "Ferrari" che eseguono  delle prove sulla pista dell'aeroporto "Vincenzo Magliocco" non ancora operativo. È accaduto il 3 dicembre scorso, due giorni prima che la pista venisse consegnata ufficialmente al Comune da parte dell'impresa appaltatrice e ccontestualmente trasferita alla società di gestione Soaco.

Il filmato amatoriale è stato diffuso ieri dai giovani della "Fabbrica di Nichi" suscitando aspre polemiche. Un consigliere comunale, Marco Salafia, ha preannunciato la presentazione di un'interrogazione: "A che titolo dei privati si trovavano all'interno della pista? C'erano anche dipendenti comunali? Chi li ha autorizzati?".

Il sindaco Giuseppe Alfano cerca di smorzare le polemiche: "Si è trattato solo di un breve sopralluogo, di cui anche l'impresa era a conoscenza, per verificare la fattibilità di un'iniziativa che alcuni ferraristi vogliono organizzare insieme alla concessionaria della casa di Maranello nella prossima primavera: vorrebbero portare le Ferrari sulla pista. Chiunque, pagando un ticket, potrà provare a guidarle. Il ricavato sarebbe poi destinato, attraverso l'ufficio servizi sociali, alle famiglie bisognose di Comiso". Nel frattempo, il filmato "gira" su YouTube e sui social network ed è diventato di pubblico dominio.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.