Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 22 agosto 2017

Pubblicato: 23/06/2008

Incidente sulla A18, morto un bimbo

Quattro componenti della famiglia del piccolo di 2 anni - padre, madre, la sorella di 14 e un fratello di 12 anni - sono rimasti feriti in un tamponamento avvenuto nella notte poco prima dello svincolo di Giarre

CATANIA - Un bambino di 2 anni è morto e altri quattro componenti della sua famiglia - padre, madre, la sorella di 14 e un fratello di 12 anni - sono rimasti feriti in un incidente stradale, avvenuto intorno alle 4 di oggi lungo l'autostrada Messina-Catania, cinque chilometri prima dello svincolo di Giarre.

L'auto sulla quale viaggiava la famiglia, una Fiat Multipla, per cause ancora da accertare ha tamponato il rimorchio di un autotreno. Il conducente del mezzo pesante, un uomo di 46 anni, è rimasto illeso. Indagini sono in corso da parte della Polizia stradale di Giardini Naxos.

Il corpo del bambino, morto nell'impatto, è stato trasportato nella sala mortuaria dell'ospedale di Giarre. Dei feriti la più grave è la madre, 36 anni, che si trova ricoverata in prognosi riservata nell'ospedale di Giarre. Nello stesso ospedale si trova il figlio di 14 anni, che è stato giudicato guaribile in 30 giorni.

Il padre, D.F.L., 43 anni, di Siracusa, è invece ricoverato nell'ospedale di Taormina (Messina) con ferite giudicate guaribile in 60 giorni. La figlia di 12 anni è stata trasportata nell'ospedale di Acireale, ne avrà per 30 giorni.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.