Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 21 agosto 2017

Pubblicato: 16/01/2008

Catania, infermiere col vizio del furto

L'uomo, in servizio al Garibaldi di Nesima, aveva in casa farmaci ospedalieri del valore di oltre 25 mila euro e diversi bossoli. Si indaga su un mercato parallelo in nero

CATANIA - La polizia ha denunciato un infermiere professionale di 50 anni, in servizio nell'ospedale Garibaldi del rione Nesima di Catania, per detenzione di munizione e furto aggravato. Nella sua abitazione agenti del commissariato Centrale hanno trovato un proiettile cal. 7,65, diversi bossoli e farmaci ospedalieri per un valore complessivo stimato dagli investigatori in 25 mila euro.

Le indagini sull'infermiere sono scaturite su accertamenti balistici compiuti dalla polizia di Stato su alcuni fori di pistola sulla facciata di una palazzina nel popoloso rione Angeli Custodi, che sarebbero stati esplosi la notte di Capodanno per festeggiare l'arrivo dell'anno nuovo.

Le traiettorie portavano proprio nell'abitazione dell'uomo, al cui interno sono stati poi trovati i farmaci.

Gli investigatori stanno indagando per accertare le modalità di vendita dei medicinali che, secondo l'accusa, sarebbe avvenuta attraverso un mercato parallelo in 'nero'.






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.