Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 02 dicembre 2016

Legambiente: "No ai paladini del cemento"


PALERMO - "Prendiamo atto con soddisfazione del ritiro della firma alla proposta di legge n. 725 'Recupero e valorizzazione della fascia costiera', da parte dell'onorevole Musotto che, evidentemente, almeno in parte, ha compreso come anche in Sicilia stia cambiando la cultura. Sono infatti lontani i tempi in cui fare i paladini del cemento era conveniente sul piano elettorale. Ci aveva provato Berlusconi alle ultime amministrative a Napoli con pessimi risultati". Lo dice Mimmo Fontana, presidente regionale di Legambiente Sicilia.

"Vorremmo però chiarire all'onorevole Musotto - aggiunge - che non vi è alcuna esigenza di regolarizzare gli abusi che, ricordiamo, sono frutto di reato e i reati vanno tutti perseguiti. Di conseguenza gli abusi insanabili vanno semplicemente demoliti. Per questa ragione ci è sembrata pertinente la metafora utilizzata ieri dal presidente di Confindustria Sicilia, Lo Bello, che, al di là della battuta, sottolineava il rischio che nella nostra regione prevalga la logica di Cetto Laqualunque, per il quale non solo l'abusivismo ma coerentemente anche tutti gli altri reati andrebbero depenalizzati".

"Ci pare evidente - conclude - che sono ben altri i problemi di cui dovrebbe occuparsi la nostra classe politica".






Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.