Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 23 agosto 2017

Pubblicato: 20/09/2011

"Provenzano ordinò di votare per Fi"

A Palermo nuove rivelazioni del pentito Lo Verso, per anni vicinissimo al padrino corleonese: "I contatti li teneva Dell'Utri". La latitanza del boss sarebbe stata favorita, oltre che da esponenti politici, da un alto ufficiale dei carabinieri

PALERMO - "Bernardo Provenzano mi riferì di accordi politici con Dell'Utri, dopo le stragi del '92-'93, che costituirono la base su cui la mafia decise di appoggiare Forza Italia". E' l'ultima rivelazione del pentito Stefano Lo Verso, per anni vicinissimo al capomafia corleonese Bernardo Provenzano, detto "Binnu".

"Dell'Utri si mise in contatto con i miei uomini e sostituì di fatto l'onorevole Lima nei rapporti con la mafia. Per questo nel 1994, a seguito degli accordi che abbiamo raggiunto, ho fatto votare Forza Italia", avrebbe detto Provenzano. La conversazione con Lo Verso risalirebbe a luglio del 2004.

Le sue dichiarazioni sono state depositate oggi al processo per favoreggiamento aggravato al generale dei carabinieri Mario Mori. Il collaboratore ha riferito ai pm che tra i benefici previsti dal presunto accordo tra mafia e Dell'Utri c'era anche il mantenimento dello stato di latitanza di Bernardo Provenzano.

La latitanza di Provenzano sarebbe stata coperta, oltre che da esponenti politici, da "un alto ufficiale dell'Arma dei carabinieri". Il collaboratore di giustizia, vicinissimo al padrino di Corleone, che ospitò mentre era ricercato, ha raccontato di avere raccolto, tra il 2003 e il 2004, le confidenze del boss sulla rete istituzionale che coprì la sua latitanza.

Il racconto del pentito potrebbe entrare tra le carte del processo Mori: il pm Nino Di Matteo ha depositato davanti alla quarta sezione del tribunale, che processa l'ufficiale, i verbali con le dichiarazioni di Lo Verso che verrà sentito in dibattimento ad ottobre. La procura ha sollecitato i giudici ad ampliare il capitolato di prova e sentire il pentito anche sulle ultime circostanze emerse negli interrogatori.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.