Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 20 novembre 2017

Ancora sangue sulle strade siciliane, 4 morti

Scontro tra la Catania-Enna e la Catania-Gela, perde la vita un uomo di 49 anni di Santa Maria di Licodia. Schianto sulla statale 194 a Lentini, vittime fratello e sorella di 17 e 31 anni. Ad Agrigento, fatale per una ventenne l'incidente con la Vespa

CATANIA - Un morto e due feriti è il bilancio di un incidente stradale, nel quale sono rimaste coinvolte tre autovetture, avvenuto stamane all'altezza dell'innesto tra la Strada Statale 192 Catania-Enna e la Strada Statale 417 Catania-Gela.

La vittima, Alfio Francesco Pappalardo, 49 anni, di Santa Maria di Licodia, è morto nell'ospedale Cannizzaro. Feriti G.C., di 56 anni, e M.L., di 43 anni, quest'ultimo alla guida di una terza auto insieme con un passeggero rimasto illeso. Sul posto è intervenuta la Polizia Stradale di Caltagirone. Secondo i primi rilievi a causare l'incidente sarebbe stato il mancato rispetto di uno stop.

Un altro incidente stradale mortale è avvenuto sulla statale 194 a Lentini (Sr). Giuseppina e Germano Fangano, di 31 e 17 anni, sorella e fratello, sono morti in un impatto con la loro auto contro il guard rail.

E ancora sangue sulle strade siciliane: una studentessa di 20 anni, Francesca Alaimo, è morta dopo essere rimasta coinvolta in un incidente stradale, stamattina, lungo la via Panoramica dei Templi di Agrigento. La giovane era in sella alla propria Vespa, che, per cause ancora in corso d'accertamento da parte della Polstrada, ha sbattuto contro una Chevrolet Lancetti guidata da un pensionato di 77 anni. L'anziano è rimasto illeso, mentre la 20enne è rimasta incastrata sotto l'auto. Liberata dai vigili del fuoco è stata portata in ospedale dove, dopo oltre un'ora, è deceduta. Francesca Alaimo è figlia di un pompiere in servizio nel distaccamento di Licata.




Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.