Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 27 agosto 2016

Al via i lavori del "Ponte dell'energia"

La realizzazione dell'opera migliorerà la sicurezza dell'approvvigionamento elettrico della Sicilia e della Calabria. Sarà lunga 105 chilometri, 38 dei quali in cavo sottomarino sotto lo Stretto di Messina

CATANIA - Stanno per prendere il via i lavori per la realizzazione del collegamento elettrico Sorgente-Rizziconi che potenzierà i collegamenti tra Sicilia e Calabria. Il "Ponte dell'energia", come è stato definito, sarà presentato da Terna a Messina il prossimo 23 giugno alla presenza del ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo.

All'incontro parteciperanno anche il presidente, Luigi Roth, e l'amministratore delegato di Terna, Flavio Cattaneo. L'opera, per la quale Terna prevede un investimento di oltre 700 milioni di euro, ha una capacità di 2.000 megawatt ed è lunga complessivamente 105 chilometri, di cui 38 in cavo sottomarino sotto lo Stretto di Messina, che stabilirà il record mondiale di lunghezza per i cavi a corrente alternata.

La Sorgente-Rizziconi, secondo stime di Terna, avrà notevoli benefici economici per il sistema elettrico italiano: non vi sarà più il differenziale di prezzo tra Sicilia e continente che annualmente determina un maggior costo in bolletta per 800 milioni di euro.

L'opera, inoltre, migliorerà la sicurezza dell'approvvigionamento elettrico della Sicilia e della Calabria e permetterà di utilizzare circa 700 MW da fonte rinnovabile, in forte sviluppo, nonché di rendere più efficiente la gestione dei flussi delle centrali presenti nel Sud Italia.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.