Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 30 giugno 2016

"In Sicilia il vertice G8 sull'ambiente"

Il ministro Prestigiacomo: "Il summit si terrà la prossima primavera nel Sud Italia, spero di poterlo organizzare nella mia regione"

KOBE (GIAPPONE) - Il prossimo summit ambientale dei ministri degli Otto Grandi si terrà "la prossima primavera nel Sud Italia e spero di poterlo organizzare in Sicilia, la mia regione". E' il ministro Stefania Prestigiacomo a annunciarlo nel corso della conferenza stampa di chiusura del vertice di Kobe, durante la quale c'è stata una sorta di passaggio di consegne tra Giappone e Italia, che nel 2009 avrà la presidenza del G8 e dovrà gestire il delicato passaggio dell'accordo post Kyoto.

"Ringrazio il collega giapponese, Ichiro Kamoshita, per l'accoglienza e le condizioni di lavoro", rileva Prestigiacomo, secondo la quale "dopo un confronto anche acceso si è approvato un testo importante, indicato nel documento finale che terremo in grande considerazione".

"Siamo convinti - aggiunge - che la collaborazione internazionale, le 3R (raccolta, riciclaggio, riutilizzo, ndr) e la biodiversità sono aspetti fondamentali di cui terremo conto nel prosieguo dei lavori. Così come delle relazioni con i paesi in via di sviluppo con i quali organizzeremo un lavoro il più inclusivo possibile per centrare gli obiettivi di riduzione delle emissioni inquinanti".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.