Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Preside chiude scuola, genitori protestano


PALERMO - Un centinaio di genitori di bambini, che frequentano la scuola elementare Tomaselli di Palermo, sta manifestando davanti la scuola in via Duca degli Abruzzi. La protesta è contro la decisione del dirigente scolastico, che ha disposto la chiusura da sabato per motivi strutturali.

Per garantire le lezioni il preside ha predisposto un servizio di bus navetta, così da trasferire i 250 bambini dell'istituto ogni giorno i bambini nelle scuole Crispi e Cocchiara in zona Cruillas. Ma "il rischio - dicono i genitori - è che la situazione si possa protrarre a tempo indeterminato".

Il trasferimento era previsto per oggi ma a causa della protesta, è saltato. "Non ci sono fondi per la ristrutturazione della scuola - dice il consigliere e capo gruppo dell'IdV al comune di Palermo, Fabrizio Ferrandelli, presente alla manifestazione - l'amministrazione deve intervenire subito per risolvere la questione e trovare i le risorse necessarie".

Per domani è stato programmato un incontro tra l'assessore comunale all'edilizia scolastica e alla pubblica insieme ai genitori e al preside, ma i genitori chiedono un incontro immediato con l'amministrazione. Alcune parrocchie hanno messo a disposizione della scuola i locali dove svolgono le attività di catechismo, per garantire lo svolgimento delle lezioni.




Per commentare l'articolo č necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, č possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso č necessaria la verifica, basterā cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.