Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 23 aprile 2017

Pubblicato: 24/04/2008

Aumentano gli abusi sui minori

Allarme dell'associazione Meter di don Di Noto: l'80% delle violenze si verifica in ambito familiare. "Sempre più bambini vivono situazioni drammatiche

AVOLA (SIRACUSA) - I maltrattamenti e gli abusi sessuali sui minori sono compiuti per l'80% nell'ambito familiare e il loro numero è in aumento. Aumenta anche il numero di violenze commesse da donne e quello delle denunce di abuso da parte di conviventi, nuovi compagni della donna precedentemente separata, e da parte di anziani (30%).

Chi abusa nell'82% dei casi conosce la vittima. Sono alcuni dati del rapporto sulla condizione dei minori in Italia oggi, presentati stamane nella sede centrale dell'associazione Meter Onlus di Avola, guidata da don Di Noto, in occasione della Giornata dei bambini vittime. Il rapporto parla di una situazione dei minori in Italia "non in buona salute".

"I bambini - afferma in una nota l'associazione - sono in sofferenza. Tanti di loro ancora oggi vivono situazioni drammatiche quali maltrattamenti e abusi nell'ambito familiare, genitori con problemi di tossicodipendenza e alcolismo, famiglie con problemi con la giustizia, sfruttamento di minori stranieri, vittime della tratta, sfruttamento nell'ambito dello spaccio di stupefacenti".

Per Meter "la pedofilia è il sintomo e la conseguenza della situazione di degrado della condizione dell'infanzia: una sorta di eccessiva normalizzazione di un abuso fisico, psicologico e sessuale tale da risultare la forma più subdola ed esplicita di violenza, sfruttamento e indifferenza".

"Di fronte a questo scenario drammatico - conclude Meter - non possiamo non ricordare le tante strutture di accoglienza nel mondo che si prodigano nell'aiutare e strappare dalla schiavitù sessuale migliaia di bambini che vivono in strutture mirate al loro recupero e reinserimento".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.