Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
venerdì, 01 luglio 2016

Pubblicato: 02/08/2010

Sicilia ultima nella differenziata

L'Isola resta dietro a tutte le regioni del Mezzogiorno con una percentuale del 6,7%. Secondo l'Istat negli ultimi 13 anni si è registrata una crescita di soli 6 punti a fronte della media nazionale del 30,4%

CATANIA - La Sicilia che in queste settimane continua a essere al centro della cronaca per l'emergenza rifiuti è all'ultimo posto in Italia per raccolta differenziata con una percentuale del 6,7%. L'88,9% dell'immondizia finisce in discarica. È quanto emerge da uno studio dell'Istat sugli indicatori ambientali urbani, aggiornati a fine luglio del 2010.

Negli ultimi 13 anni l'Isola ha fatto registrare appena 6 punti di crescita del tasso di raccolta differenziata (era 0,7% nel 1996), a fronte di una media nazionale di 30,4% mentre nel Mezzogiorno l'aumento è stato del 14,7%.

Secondo la fotografia fatta dall'Istat, la regione più virtuosa nel Sud, in tema di raccolta differenziata, è la Sardegna con il 34,5% (crescita di circa 33% rispetto al '96), seguita da Abruzzo (26,1%), Campania (25,9%), Basilicata (21,5%), Puglia (15,6%) e Calabria (15%).

Riguardo i rifiuti smaltiti in discarica sul totale della spazzatura prodotta, l'Istat registra a livello nazionale una diminuzione, 52,7% nel 2008 a fronte del 64,8% del 2002, dunque con una riduzione di 12,1 punti. In Sicilia invece la quantità di immondizia che finisce in discarica rimane elevata (88,9%) e in sei anni è scesa di soli 3,1 punti (era 90% nel 2002).

In Calabria il tasso addirittura è stato dimezzato: 89,6% nel 2002 a fronte del 48,3% del 2008. Bene anche la Sardegna con il 20% in meno di rifiuti urbani smaltiti in discarica rispetto a sette anni fa. In media nel Mezzogiorno vengono riversarti in discarica il 76% dei rifiuti prodotti.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.