Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 21 ottobre 2017

Abusi e violenze sulla convivente
manovale in manette a Enna

L'uomo seviziava la donna minacciandola con un martello e la faceva prostituire per pochi euro per poter pagare i debiti di gioco

ENNA - Violentava la sua convivente con un martello e per pagare i debiti di gioco la costringeva anche a prostituirsi per poche decine di euro. Gli uomini della Squadra Mobile di Enna hanno arrestato un manovale di 39 anni,  A. B., con l'accusa di violenza sessuale, lesioni e maltrattamenti.

La sua convivente sarebbe stata sottoposta a continue aggressioni fisiche e verbali, minacce, sevizie e crudeltà di ogni genere. In particolare il manovale avrebbe violentato ripetutamente la giovane donna con i suoi attrezzi da lavoro, obbligandola a prostituirsi sotto la minaccia di farle togliere i figli.

L'uomo, che ha il vizio dell'alcool e del gioco d'azzardo, avrebbe contattato alcuni anziani disposti ad elargire lauti compensi in cambio di rapporti sessuali con la sua convivente. Alla ennesima sfuriata, e davanti alla minaccia di essere sfregiata al volto con un taglierino, la vittima ha trovato il coraggio di fuggire e, dopo essere stata soccorsa dai medici dell'ospedale Umberto I, di denunciare il suo aguzzino.

Gli investigatori hanno trovato numerose conferme al terribile racconto: oltre al contenuto di alcune intercettazioni telefoniche è stato infatti riscontrato dalla scientifica il Dna della donna su un martello utilizzato per le violenze. L'attrezzo da lavoro, nascosto dall'uomo, è stato trovato dalla Polizia durante una perquisizione.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.