Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 24 giugno 2017

Pubblicato: 17/04/2010

Ovazione per la Giulietta siciliana

Il pubblico del Teatro Massimo Bellini ha accolto Eleonora Abbagnato con otto minuti di applausi. Prima volta a Catania per la ballerina palermitana, protagonista dell'opera di Shakespeare : "Per me si è realizzato un sogno"

CATANIA - Successo ieri sera nel Teatro Massimo Bellini di Catania per la prima del balletto "Romeo e Giulietta", di Prokofiev, che è stata accolta con otto minuti di applausi, e per Eleonora Abbagnato che, nel ruolo di Giulietta ha "stregato" il pubblico.

Ieri sera Abbagnato ha realizzato un sogno, quello di ballare sul palcoscenico del "Bellini", cullato da tanto tempo. Lo aveva detto lei stessa due anni fa quando aveva visto per la prima volta la sala teatro catanese accompagnata dallo zio, l'ad del Catania Calcio Pietro Lo Monaco.

Quarto titolo della stagione, il balletto "Romeo e Giulietta", proposto nell'allestimento del Teatro massimo di Palermo, è stato accolto favorevolmente dal pubblico, che ha applaudito sia Abbagnato sia il resto del cast, la compagnia di ballo del Teatro Massimo di Palermo, a partire dal Romeo interpretato dal cubano Josè Perez.

Applausi anche per l'Orchestra del Bellini ed è apparsa convincente anche la scelta del regista Luciano Cannito di trasformare il dissidio tra le due famiglie di Verona in uno, più attuale, tra i nord e i sud del mondo, con una Giulietta bianca e un Romeo nero che cercano l'amore a dispetto di tutto e di tutti.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.