Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 22 novembre 2017

Pubblicato: 08/03/2010

Sisma in Turchia, almeno 57 morti

Scossa di magnitudo 6.0 nella zona centro-orientale del Paese. Molte vittime nel villaggio di Okcular, dove altre persone sarebbero ancora sotto le macerie. Si contano quasi cento feriti

ISTANBUL (TURCHIA) - È sinora di almeno 57 morti e quasi 100 feriti il bilancio del violento terremoto che stamani all'alba ha colpito una vasta area poco abitata della Turchia centro-orientale. Lo ha riferito, come annunciato dai media nazionali, il vice premier turco Cemil Cicek citando dati forniti dall'unità di crisi del governatorato della provincia di Elazig.

La scossa - registrata dall'Osservatorio di Kandilli ad Istanbul - ha avuto una magnitudo di 6 gradi sulla scala Ricther ma un'intensità di 8 gradi. Il sisma è stato avvertito alle 4:32 del mattino (le 3:32 in Italia) ed è durato un minuto. Dopo la prima scossa se ne sono succedute altre 30 di assestamento di intensità minore. Come ha affermato il vicegovernatore della provincia di Elazig, Mehmet Ali Saglam, le località più colpite dal terremoto sono stati sei villaggi, tra cui in particolare quelli di Okcular e Yukari Demirci, sui quali da stamani si sono concentrati i soccorritori arrivati dalle vicine città di Tunceli, Bingol, Diyarbakir, Mardin ed Erzurum.

Secondo vari media, in un villaggio ci sarebbero almeno sei persone ancora intrappolate sotto le macerie di un'abitazione che, come la maggior parte di quelle crollate, era stata costruita con mattoni fatti di terra secca mista a paglia. Da parte sua, la Mezzaluna Rossa (l'equivalente della Croce Rossa) ha inviato sul posto 500 tende e generi alimentari mentre altre istituzioni pubbliche hanno provveduto a spedire 10 container di generi di soccorso.

Sul posto, per seguire le operazioni di soccorso, oltre a Cicek si sono recati anche il ministro di Stato Cevdet Yilmaz, il ministro dei Lavori Pubblici Mustafa Demir e quello della Sanità Recep Akdag. Nella stessa zona lo scorso primo febbraio si registrò una scossa di magnitudo 4.7 gradi Richter ed il successivo 21 un'altra di 4.3 gradi che però non provocarono vittime nè danni di rilievo.

Le scosse telluriche sono abbastanza frequenti in Turchia che è situata su un'importante faglia sismica. Gli ultimi terremoti disastrosi in questo Paese sono avvenuti nell'agosto e nel novembre del 1999 ed hanno provocato circa 20 mila vittime.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.