Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 23 agosto 2017

Tensione fra sindaci e protezione civile


SANT'AGATA DI MILITELLO (MESSINA) - Un elenco dei danni nei singoli comuni dei Nebrodi in ginocchio a causa delle frane che si sono susseguite nell'ultimo mese (circa 200 in tutta l'area) è stato presentato stasera dai sindaci di 40 comuni nel corso del vertice a Sant'Agata Militello con la Protezione civile regionale.

Nel corso dell'incontro si sono verificati momenti di tensione, tanto che l'assessore regionale al Territorio, Giovanni Di Mauro, ha minacciato la sospensione dell'incontro. Come richiesto questa mattina dal presidente della Regione Raffaele Lombardo, in visita a San Fratello, l'elenco servirà a formulare un'unica richiesta di calamità naturale al governo centrale.

L'incontro, fissato presso la sede del parco dei Nebrodi, che si è rivelata troppo piccola per ospitare il gran numero di amministratori presenti, è stato spostato al castello Gallego, dove ci sono stati momenti di tensione: diversi amministratori locali hanno rimproverato alla Regione la mancanza di interventi nelle settimane scorse, nonostante le numerose sollecitazioni da parte dei singoli comuni che in molti casi hanno fatto ricorsi ai propri fondi per scongiurare l'isolamento di interi paesi. I sindaci hanno confermato la manifestazione già proclamata per venerdì mattina a Capo d'Orlando.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.