Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 23 maggio 2017

Torna il Festival siciliano, ecco i nomi

Luca Ciliberti / 
L'11░ Festival della nuova canzone siciliana sarÓ presentato stasera alle 21 con un gran gala su Antenna Sicilia e Oasi Tv. All'interno il cast artistico e le 42 canzoni in gara nelle due sezioni: Premio Sicilia e Premio Trinacria. Al fianco del conduttore Salvo La Rosa i comici palermitani Toti e Totino. Si partirÓ l'11 febbraio

CATANIA - Voci note, volti nuovi e talentuosi sconosciuti.  L’11° Festival della canzone siciliana scopre le carte. Presentata ufficialmente la lista degli artisti che comporranno il cast della manifestazione canora che, per il secondo anno consecutivo, punta a rinverdire la tradizione musicale della Sicilia.

Con un gran gala trasmesso domani sera su Antenna Sicilia e sul canale satellitare Oasi Tv (848 di Sky) il padrone di casa Salvo La Rosa presenterà all’Abc tutti i cantanti in gara. Sarà una festa, prima della competizione vera e propria, che quest’anno vedrà in gara 42 concorrenti (12 in più rispetto al 2009) suddivisi in due categorie: il Premio Sicilia, nella quale gareggeranno trenta canzoni neomelodiche con testi che strizzano l’occhio al sentimento e il Premio Trinacria, nella quale concorreranno alcune tra le proposte innovative più interessanti, sintesi di contaminazioni culturali e musicali, tra il tradizionale e il moderno.

“Ci saranno due vincitori e già questo è un segnale importante di cambiamento – spiega Salvo La Rosa – Dopo il successo dello scorso anno, abbiamo ricevuto un’infinità di materiale di altissima qualità, troppo per scegliere solo trenta canzoni. In mezzo, tante nuove proposte, distanti dalla tradizione musicale della nostra Sicilia, ma veri e propri laboratori musicali che raccolgono polifonie e testi taglienti dietro, talvolta, l’amara ironia tipico di noi siciliani”.

In gara almeno una quindicina di nomi famosi al grande pubblico, che si sfideranno a colpi di rime e strofe in dialetto. Ritorneranno Mario Incudine, vincitore dell’ultima edizione, Francesca Alotta e Antonella Arancio, i tamburi di Alfio Antico e la chitarra di Tony Canto, la world music dei Sicily Star di Francesco Buzzurro, i Lautari e Agata Lo Certo.

Grande presenza di artisti nazionali che si mettono in gioco nel nome della Sicilia, tra questi Sal Da Vinci, Annalisa Minetti, Manuela Villa e Jenny B. Con loro sul palco anche i fratelli Morgia, per la prima volta insieme, e il poetico cantautore etneo Vincenzo Spampinato. Gli altri saranno più o meno delle scoperte. “Abbiamo puntato moltissimo sui giovani, che hanno dimostrato di saper cogliere il vero significato di questa manifestazione – spiegano gli autori Salvo La Rosa e Guido Pistone – creare novità attingendo a piene mani dall’ampio bagaglio culturale ereditato dalla nostra, terra ricca di storia e tradizione musicale che va oltre la tarantella popolare”

Basta spulciare, poi, tra i titoli dei brani e artisti inseriti nella categoria Premio Trinacria, per comprendere che ci sarà anche da sorridere: “A tussi”, ”Gira vota e furria”, “Vota Babbagallo” o ancora i Bringatini, Giufà, Alì Babà e I Beddi sembrano sinonimo di leggerezza impegnata.

Le finestre di comicità saranno affidate agli attori palermitani Toti e Totino, che prenderanno il posto del catanese Litterio, un altro esempio di Sicilia unita da est a ovest. Infine, ancora top secret i nomi e i volti delle vallette, per quelle bisognerà aspettare la prima puntata dell’11 febbraio.






Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.