Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 24 luglio 2017

Neve a ghiaccio, disagi al Nord e al Centro


CATANIA - Il nord, come previsto, torna sotto la neve e ci rimarrà fino a domattina in attesa della pioggia e di un rialzo delle temperature. E con la neve, il termometro sotto zero e il ghiaccio, tornano il caos sulle strade cittadine e i disagi per i viaggiatori in aeroporti e stazioni ferroviarie.

A Milano, treni a rilento alla stazione centrale, in Friuli Venezia Giulia cancellati circa il 30% dei convogli previsti per oggi (40 su 136). Trenitalia ha sottolineato che in tutta la penisola nella lunga percorrenza sono stati soppressi lo 0,3% dei treni in programma e il 5,6% del trasporto regionale. "Portatevi panini e coperte" è stato l'appello dell'a.d. di Fs, Mauro Moretti.

Situazione particolarmente critica in Pianura Padana sulle autostrade A1 e la A8 in Lombardia, meno sulla A4, secondo quanto riferisce la polstrada. Appello del vice sindaco di Milano ai cittadini a utilizzare i mezzi pubblici e non l'auto per gli spostamenti. L'Atm ha previsto otto treni straordinari sulle tre linee della metropolitana in grado di trasportare diecimila persone in più ogni ora. Il Prefetto di Milano ha chiesto ai sindaci di adottare tutte le misure necessarie per limitare gli inconvenienti. Intanto, domani sono chiuse diverse scuole in Lombardia.

A Genova, è pronto il piano neve e i mezzi spargisale. Situazione difficile all'aeroporto di Bologna. Le forti nevicate dei giorni scorsi e l'ulteriore abbassamento delle temperature di questa notte (con punte anche a -13) hanno comportato un utilizzo eccezionale di liquido antigelo per il trattamento de-icing degli aeromobili in partenza. Ci sono difficoltà per l'approvvigionamento di nuove scorte. 

Disagi anche negli aeroporti del Centro sud. Molti gli aerei che hanno accumulato ritardi "determinati - spiega l'Enac - anche dalla chiusura di molti aeroporti del nord Europa". A Fiumicino, ritardi e cancellazioni specie da e per Usa; cancellati voli per New York e Atlanta, e anche verso Madrid.

A Roma, le metropolitane sono aperte per affrontare l'emergenza freddo, con 400 persone ospitate mediamente per notte.  Smorza i toni il capo della protezione civile, Guido Bertolaso: "L'Italia non è nel caos, anche se la situazione per il maltempo è critica".

Per le prossime 36 ore sono attese nevicate con quantitativi localmente moderati sull'Appennino Toscano a quote superiori ai 400-600 metri.  Allarme nei campi: impraticabili diverse strade di campagna, molte aziende agricole sono isolate. In grave pericolo, denunciano le organizzazioni, gli approvvigionamenti per il bestiame, e difficoltà nel trasporto del latte. A rischio gelate le colture di ortaggi in campo aperto.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.