Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 19 novembre 2017

Amanti si feriscono tra loro
e simulano un'aggressione

A Palagonia due giovani legati da una relazione extraconiugale si sono presentati sanguinanti alla caserma dei carabinieri raccontando di essere stati accoltellati da sconosciuti. Ma i militari li hanno smascherati

PALAGONIA (CATANIA) - Si sono presentati sanguinanti nella caserma dei carabinieri di Palagonia, in provincia di Catania, denunciando un'aggressione a colpi di coltello da parte di sconosciuti ma i militari hanno accertato che si erano feriti a vicenda al culmine di una lite in auto.

Protagonista una coppia legata da una relazione extraconiugale, lui di 27 anni, lei di 23, che sono stati arrestati per lesioni personali aggravate e porto di armi atti a offendere. L'uomo era stato medicato per ferite di arma da taglio al collo e aveva rifiutato il ricovero; la donna era stata medicata per ferite nella zona mammellare e al braccio destro ed era stata giudicata guaribile in otto giorni.

I due, raccontando l'accaduto ai militari, sono caduti in alcune contraddizioni e i carabinieri hanno accertato che in realtà la coppia si era appartata nell'auto dell'uomo in una strada nella campagne di Palagonia e al culmine di un litigio si erano feriti a vicenda con un coltello da cucina che la donna aveva portato con sé. L'auto e il coltello sono stati posti sotto sequestro. L'uomo è stato rinchiuso nel carcere di Caltagirone. La donna è stata ammessa agli arresti domiciliari.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.