Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedý, 26 giugno 2017

Pubblicato: 06/08/2009

Accordo Enel e Regione Sicilia


PALERMO - Il Presidente della Regione, Raffaele Lombardo, e l'amministratore delegato e direttore generale Enel, Fulvio Conti, hanno firmato oggi un protocollo d'intesa per lo sviluppo del settore energetico nell'isola. Il fine è produrre più energia, a minor costo e a basso impatto ambientale. Il protocollo dedica particolare attenzione alla diversificazione delle fonti energetiche, con l'incremento di quelle rinnovabili; alla sicurezza degli approvvigionamenti, con progetti infrastrutturali e agli investimenti in nuove tecnologie, ricerca e innovazione.

"Enel, in linea con il Piano energetico ambientale regionale siciliano - ha affermato l'amministratore delegato Fulvio Conti - intende rafforzare la propria presenza in Sicilia, migliorando l'efficienza e la compatibilità ambientale degli impianti esistenti, aumentando la produzione di energia da fonti rinnovabili e promuovendo nuovi investimenti e progetti industriali, in particolare quello del rigassificatore di Porto Empedocle (Agrigento). Tali progetti costituiranno opportunità di crescita, di innovazione e di sviluppo sostenibile del territorio e ne rafforzeranno il tessuto produttivo, occupazionale e sociale".

Il protocollo siglato oggi prevede un Accordo quadro e tre accordi specifici: sul progetto del rigassificatore di Porto Empedocle, sul miglioramento della qualità ambientale degli impianti termoelettrici Enel in Sicilia e sulla promozione e la realizzazione di progetti innovativi per sviluppare la produzione da fonti rinnovabili nell'isola. Enel e Regione Sicilia daranno vita a un gruppo di lavoro congiunto che coordinerà e monitorerà gli interventi concordati.

Al termine dell'incontro la Regione Siciliana ha emesso il decreto autorizzativo per la costruzione ed esercizio del terminale di rigassificazione di GNL (Gas Naturale Liquefatto) di Porto Empedocle, sulla base del parere favorevole definitivo espresso dalla Conferenza dei servizi, per cui è previsto un investimento di circa 650 milioni di euro.

Complessivamente il valore delle misure economiche e strutturali stanziate da Enel a favore del territorio è valutabile in circa 50 milioni di euro, cui si aggiungono circa 6 milioni di euro l'anno per tutta la vita dell'impianto. Enel si impegna comunque a investire, per il quinquennio 2009-2013, circa 70 milioni di euro per il mantenimento in piena efficienza degli impianti, con lo scopo di migliorarne la qualità e la compatibilità ambientale.  La società prevede di incrementare per almeno 400 MW nei prossimi quattro anni la produzione di energia da fonti rinnovabili, attraverso nuovi impianti eolici e solari. L'investimento previsto è di circa 1 miliardo di euro. Per supportare tali progetti, la Regione Siciliana si impegna a espletare celermente gli iter autorizzativi di competenza.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.