Facebook | Twitter | Mobile | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 24 maggio 2016

Pubblicato: 24/04/2009

Il G8 lancia la Green-economy

Si è concluso il summit di Siracusa: firmato l'impegno condiviso dei Paesi industrializzati sulle tecnologie a basso contenuto di carbonio, sulle azioni per contrastare i cambiamenti climatici e sulla biodiversità. Prestigiacomo: "Definiti principi condivisi"

SIRACUSA - Cinque nodi ancora da sciogliere sul clima ma questa volta i Governi li hanno messi nero su bianco anche se mancano target specifici. E il Brasile propone una petrol-tax del 10% sui proventi dell'industria del petrolio da destinare alla lotta ai cambiamenti climatici. Mentre arriva la 'Carta di Siracusa' contro lo scippo della natura. E per la prima volta un appello per la salute dei bambini. Si è chiuso così il vertice 'allargato' dei ministri dell'Ambiente del G8 nella città siciliana. Dalla riunione arriva una 'lista della spesà per i premier sul fronte emissioni e tecnologie pulite.

PRESTIGIACOMO. Della tre giorni di lavori il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, padrona di casa, si è detta "estremamente soddisfatta" sottolineando che servono "azioni urgenti" sulla questione clima. "Abbiamo definito in maniera franca e chiara - ha detto Prestigiacomo - i principi sui quali i capi di stato dovranno spendere tutta la loro leadership" esprimendo grande condivisione per la scelta della sede a L'Aquila del G8.

Target nel breve e medio periodo; target a lungo termine; confrontabilità degli sforzi fra paesi; finanziamenti; governance internazionale, sono i 5 nodi sul clima. "Il G8 Ambiente - ha precisato il ministro - non ha assunto decisioni perchè non è la sede. Tutti i ministri hanno condiviso l'impostazione per il sostegno dei paesi in via di sviluppo". Per il ministro serve investire in ambiente anche in chiave anti-crisi: "La green economy è un settore nuovo che può aprire spazi di mercato e creare posti di lavoro".

CLIMA E BAMBINI. Il chair summary nel quale viene tracciato il percorso della tre giorni di lavori. Tra le indicazioni garantire l'accesso energetico ai paesi più poveri e l'impegno mantenere entro i due i gradi l'aumento di temperatura in seguito al riscaldamento globale. Ma anche un appello "forte" per la salute dei bambini. In tal senso è stata tracciata la strada anti-inquinamento: eliminare il piombo dalla vernice e completamente dalla benzina, collaborare a ricerche e studi sulla salute dei bambini e l'ambiente inclusi gli impatti degli agenti chimici e dei metalli pesanti, dei cambiamenti climatici, e migliorare la conoscenza.

BIODIVERSITA' E CARTA DI SIRACUSA. "Tutti i ministri del G8 - ha detto Prestigiacomo - sono convinti dell'urgenza di sottoporre ai rispettivi capi di governo la necessità di intervenire con urgenza". Nel mirino del G8 Ambiente di Siracusa anche le finanze e la necessità di investire in tecnologie verdi. In primo piano le rinnovabili: solo con le fonti pulite si potranno creare nuovi posti di lavoro e si potrà uscire dalla crisi, ha sottolineato Achim Steiner, direttore generale del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (Unep). Sulle rinnovabili si è soffermato il ministro Prestigiacomo che ha annunciato che l'Italia sta lavorando "a una regolamentazione sull'impatto paesaggistico delle pale eoliche. Personalmente - ha detto - io privilegerei i parchi offshore, che si potrebbero realizzare in mare".

GLI USA. Ma il G8 Ambiente di Siracusa è stato anche un'importante occasione di incontro con l'amministrazione Obama. Presente la responsabile dell'agenzia di protezione ambientale americana (Epa), Lisa Jackson che ha sottolineato la politica su energie pulite e di risparmio energetico. Particolare attenzione Jackson ha rivolto alla salute dei bambini. E sul fronte dei rapporti Usa-Italia il ministro Prestigiacomo il prossimo lunedì 27 aprile parteciperà al Forum sulle maggiori economie di Washington per esporre i contenuti del vertice di Siracusa. Infine da parte delle associazioni luci e ombre dal G8 Ambiente: per il Wwf bene l'impegno sulla green economy ma ora servono i fatti mentre Oxfam International e Ucodep parlano di "sindrome da primo passo".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.