Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Pubblicato: 07/04/2009

Sedicenne violentata dal branco

Cinque minorenni di Sciacca, tra i quali due ragazze, avrebbero abusato di una sedicenne compagna di scuola, filmandola e ricattandola dopo averla derisa e umiliata

SCIACCA (AGRIGENTO) - Cinque minorenni di Sciacca, tra cui cui due ragazze, sono stati accompagnati in comunità dai carabinieri, su disposizione della magistratura perché ritenuti responsabili, in concorso con due maggiorenni arrestati nel luglio scorso e attualmente ai domiciliari, di produzione di materiale pedopornografico, violenza sessuale di gruppo e violenza privata nei confronti di una sedicenne.

L'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minorenni di Palermo, ha rivelato uno scenario i cui protagonisti sono tutti giovani incensurati e di buona famiglia. Secondo quanto accertato dagli inquirenti la vittima, da tempo oggetto di atti di violenza morale e materiale da parte dei compagni di scuola, nel febbraio del 2008 rimase in balia del branco per un intero pomeriggio.

Dapprima derisa e umiliata, la sedicenne fu poi costretta a subire abusi sessuali da parte degli indagati sotto la minaccia della pubblicazione su internet dei filmati che nel frattempo venivano girati con i loro telefoni cellulari. Le indagini, tuttora in corso, sono condotte dai carabinieri della sezione di polizia giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Sciacca. Nei prossimi giorni gli indagati saranno interrogati dal gip presso il tribunale di Palermo.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.