Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 27 giugno 2017

Pubblicato: 25/03/2009

Ciancimino: "Riina preso grazie a me"

La rivelazione del figlio dell'ex sindaco di Palermo: "Dopo la strage Falcone ho convinto mio padre a fornire indicazioni agli investigatori per la cattura del super boss"

PALERMO - "Mi sono adoperato con le istituzioni per poter catturare latitanti, fra cui Totò Riina". Massimo Ciancimino, figlio dell'ex sindaco di Palermo, rivela di aver contribuito all'arresto del capo dei capi, avvenuto il 15 gennaio 1993 a Palermo.

"Dopo la strage Falcone - spiega Ciancimino - ho convinto mio padre a fornire indicazioni agli investigatori per poter arrivare all'arresto di Riina. Era un periodo in cui la mafia sparava e non faceva sconti a nessuno". Il figlio di don Vito non aggiunge altro su questa circostanza, spiegando che "ci sono indagini in corso".




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.