Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledì, 24 maggio 2017

Pubblicato: 12/03/2009

Latitante palermitano preso in Francia

Si tratta del boss Salvatore Adelfio, sfuggito nel 2008 all'operazione Old Bridge. E' stato arrestato al confine con la Spagna

PALERMO - Il boss palermitano Salvatore Adelfio, latitante dal febbraio del 2008, è stato arrestato dalla polizia francese a Perthus, cittadina al confine con la Spagna. L'indagine che ha portato alla cattura del capomafia è stata coordinata dalla Dda di Palermo e condotta, in collaborazione, dalla polizia italiana e da quella spagnola. A carico di Adelfio, 42 anni, pendeva un mandato di cattura europeo per associazione mafiosa.

Gli uomini del servizio centrale operativo e della sezione catturandi della squadra mobile di Palermo, con l'aiuto dell'Interpol, nei mesi scorsi avevano individuato la Spagna quale possibile rifugio del latitante. L'intuizione degli investigatori si è rivelata giusta: il boss, sfuggito alla cattura durante l'operazione 'Old Bridge' che aveva portato alla scoperta di un nuovo asse tra le cosce palermitane e la mafia americana, ha trascorso parte della latitanza a Torre Molinos, vicino a Malaga.

Adelfio, esponente della cosca di Villagrazia-Santa Maria del Gesù, appartiene a una storica famiglia di Cosa Nostra. Il padre, Giovanni, anche lui accusato di associazione mafiosa è detenuto, come il cognato Carlo Greco fedelissimo del capomafia Pietro Aglieri, tra gli ideatori della strage di via d'Amelio in cui venne ucciso il giudice Paolo Borsellino. Adelfio è stato già arrestato nel '97 e nel 2002 per associazione mafiosa e traffico di droga.




Articoli correlati:

Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.